Acquedotto Medievale, Salerno (Salerno)

La Campania è una delle regioni Italiane che offre molto a tutti coloro che la visitano. E’ la meta giusta per chi cerca una vacanza di mare ma anche per chi desidera organizzare un viaggio storico culturale.

In tutto il territorio troviamo siti archeologici, borghi suggestivi, mare cristallino e parchi. Un viaggio in Campania sarà apprezzato da tutti coloro che amano la cultura e la storia, basti pensare che vi sono resti risalenti all’epoca della dominazione romana e borbonica ma soprattutto ci sono gli scavi archeologici di Pompei. Ciò che non manca sono i borghi che conquistano tutti i visitatori. Gli amanti della natura, invece, possono organizzare lunghe passeggiate e fare trekking; tra i più apprezzati ricordiamo il Sentiero degli Dei, in Costiera Amalfitana e il Parco Nazionale del Cilento. Chi desidera la tranquillità e il relax può organizzare un soggiorno presso alcune baie della regione, una delle più belle in assoluto è la Baia di Ieranto a Punta Licosa.

In Campania, inoltre, non manca il buon cibo, la regione è riconosciuta in tutto il mondo per la pizza, ma anche per il babà e il limoncello.
Vediamo insieme quali sono i principali luoghi di interesse culturale della regione.

Acquedotto Medievale, Salerno: descrizione

L’Acquedotto
medievale di Salerno è stato eretto nel IX secolo per approvvigionare
d’acqua il monastero di San Benedetto, presso le mura orientali. Si
trova nel Centro storico di Salerno, sotto il colle Bonadies ed il suo
Castello di Arechi. La
lunghezza originaria dell’acquedotto era di mezzo miglio e oggi è
possibile ammirarne un tratto molto ben conservato, con archi acuti e
possenti pilastri posti in triplice ordine. Alcuni storici ritenevano
che l’acquedotto risalisse al XIV secolo ma in realtà esso fu eretto
prima dell’anno mille in quanto il monastero di San Benedetto, da esso
servito, risale all’VIII secolo e non era fornito di pozzi da cui poter
attingere l’acqua. L’errore di datazione nacque dall’errata convinzione
che, l’arco acuto noto come ogiva fosse di origine siciliana e quindi
ideato dopo l’anno mille, ma dagli archi presenti nei sotterranei del
Duomo di Salerno e di quello di Amalfi è possibile asserire che questo
tipo di arco fu usato a Salerno prima ancora che nella stessa Sicilia. Intorno
all’acquedotto nacque nel Medio-Evo una leggenda seconda la quale la
sua costruzione avvenne per opera del mago salernitano Pietro Barliario
che, aiutato dai diavoli, lo eresse in una sola notte buia e tempestosa.
Da questa leggenda nacque il nome “Ponti del Diavolo” che è ancora oggi
usato dai salernitani per riferirsi all’acquedotto e, fino a pochi anni
fa, i vecchi salernitani evitavano di recarsi sotto i ponti quando
calava la sera perchè convinti che vi apparissero i diavoli, le streghe
di Benevento ed altri spiriti malvagi. Secondo
un’altra leggenda sotto gli archi dei Ponti del Diavolo, in una notte
tempestosa, avvenne l’incontro fortuito tra i fondatori della Scuola
Medica Salernitana: l’arabo Adela, il greco Ponto, l’ebreo Elino ed il
latino Salerno. L’origine di tale leggenda è da ricercare nella
vocazione mercantile e commerciale della Salerno medievale che era un
vero e proprio crocevia di popoli, culture e religioni diverse.

Indirizzo: 84125 Via Arce, via Fieravecchia, via Vernieri – Salerno – 40.6795713 – 14.7649164

Come arrivare in Campania

La Regione Campania è situata nell’Italia Meridionale ed è bagnata dal Mar Tirreno. Il capoluogo della regione è Napoli, popolata da quasi un milione di abitanti. Le altre provincie della regione sono: Salerno, Avellino, Benevento e Caserta, dove sono visibili bellezze naturali architettoniche incredibili.

Ma come si può raggiungere? Si raggiunge in auto, in treno, con l’aereo e con la nave. Vediamo quindi di seguito le diverse soluzioni.

Raggiungere la Campania in auto

La Campania si raggiunge facilmente in auto da tutta l’Italia poichè si collega all’ Autostrada A1. Le strade statali principali della regione sono: strada statale 414 di Montecalvo Irpino, strada statale 90 delle Puglie, strada statale 91 della Valle del Sele, strada statale 608 di Teano, strada statale 7 quater Via Domitiana, strada statale 145 Sorrentina, strada statale 163 Amalfitana, strada statale 268 del Vesuvio.

Raggiungere la Campania in treno

Per raggiungere la Campania con il treno è possibile scegliere tra diverse soluzioni. Innanzitutto vi è l’alta velocità ferroviaria che consente di raggiungere la città di Napoli, di Afragola, di Salerno. In poche ore si raggiunge la Campania partendo da Milano, Torino e Venezia.
In alternativa, si può partire con un treno regionale partendo da nord e dal sud Italia.

Raggiungere la Campania in aereo

L’unico aeroporto della Campania è quello di Napoli Capodichino.

Raggiungere la Campania con la nave

Numerosi sono i porti che sono presenti nella Regione Campania, il più importante di tutti è quello di Salerno. Dal porto di Napoli e Salerno partono navi che raggiungono anche altre Regioni Italiane e stati esteri.
Altri porti, invece, consentono di raggiungere le isole dell’arcipelago campano come ad esempio Ischia, Procida e Capri. Tutti i porti sono ben collegati con le stazioni ferroviarie.

Consigli di viaggio

Se hai bisogno di ricevere informazioni inerenti al tuo prossimo viaggio in Campania oppure se desideri effettuare prenotazioni di hotel, ristoranti, treni, navi e tanto altro contattaci.