Chiesa di Sant’Agostino (Salerno)

Salerno è tra le città campane più belle, ospita tanti luoghi da visitare, per chi vuole conoscere altre zone della Campania, per immergersi nella sua cultura.

Tra le cose da vedere in Campania, ci sono tante chiese, come la chiesa di Sant’Agostino. Oggi questa è situata nello stesso edificio dell’amministrazione provinciale.

Origini

La chiesa di Sant’Agostino è la restaurazione, avvenuta nel XIX secolo, del convento di Sant’Agostino, del 1309. Oggi l’ingresso alla chiesa è possibile dalla piazza. Un’altra ristrutturazione è poi avvenuta nel 1900.

Descrizione

All’interno della chiesa, sull’altare, troviamo la Madonna in maestà, che risale al trecento. Quest’opera fu trovata su una spiaggia nei pressi del convento nel 1453 e si pensò provenisse da Costantinopoli, infatti fu chiamata anche Madonna di Costantinopoli.

Nella Cappella laterale, un’altra opera importante, è il crocifisso, realizzato in stile gotico, probabilmente nel corso del quattrocento.

Tratti di stile barocco sono invece presenti nella stata dell’Addolorata e in quella di San Giovannino.

Risalgono al Cinquecento tre affreschi su tavola: Sant’Agostino, Madonna e Santi e Sant’Andrea. Quest’ultimo si trova nel Museo di Diocesano.