Chiesa di San Michele Arcangelo (Salerno)

Napoli è da sempre una delle mete preferite dai turisti, ma tutta la regione ospita tante attrazioni da visitare. Tra le cose da vedere in Campania, c’è Salerno, una città i cui possiamo ammirare diverse chiese. Nel centro storico, nel rione Mutilati, troviamo la chiesa di San Michele Arcangelo.

La storia

Il Monastero di San Michele e quello di Santo Stefano, risalgono originariamente al 1039. La chiesa che conosciamo oggi deriva, però, da una ristrutturazione effettuata nel Seicento. Secolo in cui il convento dalle monache benedettine passò alle clarisse. Il Convento nel 1866 venne soppresso, la chiesa fu invece affidata al clero secolare.

Nel 2010 la chiesa è stata riaperta.

Descrizione

La facciata risale al Seicento, ed è occupata da diversi finestroni. L’interno della chiesa è a forma quadrangolare e presenta un arco a tutto sesto. La navata è unica, con quattro cappelle. In una cappella troviamo un dipinto id Giovanni Battista Rossi che ritrae San Francesco che detta la regola alle clarisse.

L’altare maggiore è in marmo e risale al settecento.

Infine, sulla controfacciata troviamo un coro, circondato da una grata in legno. Lì le clarisse potevano partecipare alle celebrazioni religiose.

Le decorazioni sono principalmente in stile barocco.